Aufrufe
vor 4 Jahren

ONELIFE #33 – Italian

  • Text
  • Discovery
  • Ainslie
  • Copenhagen
  • Jaguar
  • Rover
  • Rover
  • Dice
  • Nuova
  • Essere
  • Anni
  • Sempre
  • Mondo
  • Talento
  • Dopo
  • Progetto
Land Rover steht für höchste Allradkompetenz, umfassenden Komfort und anspruchsvolle Technik. Diesem Geländewagen ist kein Weg zu weit und keine Aufgabe zu schwer – getreu dem Slogan „Above and Beyond“. ONELIFE vermittelt Land Rover-Kunden genau dieses Gefühl von Abenteuer und Freiheit.

LA NUOVISSIMA DISCOVERY

LA NUOVISSIMA DISCOVERY ELEMENTO 01 GLI STRUMENTI PER I MODELLI IN ARGILLA In quest’epoca digitale, può fare piacere scoprire che alcune attività, per essere fatte bene, ancora richiedono la mano e l’occhio dell’uomo. Una volta deciso il tema del design della nuovissima Discovery, con una serie di sketch e di modellini in scala, il team di progettisti crea un dettagliato modello virtuale della nuova auto, che possa essere osservato su grandi schermi. Terminato il progetto digitale, viene creato un modello a dimensioni reali utilizzando un materiale davvero low-tech, specie per una società così tecnologica: l’argilla. È vero, questo è un tipo di argilla da modellazione molto raffinato e costoso, la cui temperatura dev’essere attentamente monitorata per ottenere una malleabilità ottimale; può essere rimodulata, lucidata e verniciata un numero di volte infinito, ma è comunque ancora marrone e simile al fango quando emerge dalla molitura. Ed è a quel punto che si comincia davvero a lavorare. “Non ho mai visto un progetto che sembrasse funzionare non appena era pronta l’argilla”, dice Andy Wheel, Chief Designer per Land Rover. “Quando osservi un progetto sullo schermo, è solo un’immagine. E con le immagini si è schiavi degli obiettivi, anche se solo virtuali. La verità è che non esiste obiettivo migliore dell’occhio umano, e nulla sostituisce un modello di automobile di dimensioni reali, né la possibilità di camminarci intorno e di toccarlo”. I designer poi iniziano a lavorare l’argilla insieme a modellatori specializzati, alterandone i dettagli e i raggi di frazioni di millimetro o di un grado, usando attrezzi semplici come quelli illustrati qui sopra, fatti apposta per creare angolature spigolose o curve, e che sono cambiati poco dalle prime opere di argilla create dall’uomo, migliaia di anni fa. “È una partnership”, dice Wheel. “I nostri modellatori sanno a livello istintivo come creare un chiaroscuro, o come le superfici dovrebbero congiungersi. Quando abbiamo finito di elaborare una sezione eseguiamo una nuova scansione, e la importiamo nel mondo digitale. Ma per azzeccare le proporzioni, bisogna affidarsi all’occhio e al tocco umano”. 40

41