Aufrufe
vor 2 Jahren

BORA Magazine 02|2018 – Italian

  • Text
  • Bora
  • Cottura
  • Sistema
  • Potenza
  • Zona
  • Rivista
  • Dimensioni
  • Cucina
  • Funzione
  • Aspirazione
BORA Magazine is published in 12 languages. It invites the reader to learn more about the BORA products and discover fascinating stories behind the brand.

VIVERE INTERVISTA

VIVERE INTERVISTA Johann: Sin dall’inizio, pur non essendo né un giornalista né un personaggio mediatico, mi sono impegnato seriamente nella concezione di questo volume. Traboccavo letteralmente di idee! E quando si viaggia tanto come faccio io c’è sempre qualcosa di cui parlare. La mia intervista a Frank-Walter Steinmeier, ad esempio, è stata molto interessante. Poter dare un’occhiata dietro le quinte della cucina di Stato non è cosa da tutti i giorni. E naturalmente, è stato un grande onore poter condurre un’intervista con la regina Silvia di Svezia. È un po’ come se fossi salito di rango anch’io! Willi: Cosa che però non sei, Johann. Tu sei conosciuto per la tua concretezza e anche questa è una cosa che ci unisce. Forse dipende anche un po’ dalle nostre origini? Io sono cresciuto nella cittadina bavarese di Raubling. Lì dove BORA ha ora il suo quartier generale. Quando ero piccolo da noi non c’erano cuochi stellati nelle vicinanze, ma solo una dieta semplice e saporita, fortemente influenzata dalla vicinanza delle Alpi. Tu vieni dalla Stiria e mi hai già raccontato una volta, con gli occhi lucidi, delle doti culinarie di tua madre. Johann: Quella è stata per me la scintilla iniziale. E poi la cucina è un settore strategico. Il lavoro del cuoco è al sicuro dalla crisi. Ma esperienza e qualità sono cose che si devono imparare, e non si finisce mai. Questo era un po’ anche il mio obiettivo con la rivista Lafer: accompagnare la I due si conoscono e si stimano. Johann Lafer e Willi Bruckbauer la pensano allo stesso modo per quanto riguarda la ricetta del successo: velocità, passione e una ricerca continua di strade nuove. 50 RIVISTA BORA

gente nel mondo della cucina che mi appassiona tanto e che mi piace tanto condividere. Anche per te è così, Willi: anche tu metti fuoco e fiamme in quello che fai. Altrimenti sarebbe impossibile affrontare ogni giorno di questa vita! Appunto: parliamo di time management. Johann, tu fai il giro del mondo alla ricerca della carne migliore in Uruguay, trai ispirazione da tutta l’Asia per i tuoi piatti e sei anche una presenza costante in TV. E tu, Willi, dopo esattamente 10 anni BORA è ormai già presente in 58 paesi del mondo. Come riuscite a sopportare questi ritmi, c’è un modo per compensare? Willi: Io combatto la velocità con la velocità! Perché non sono soltanto un imprenditore, ma anche un appassionato di ciclismo. Se dopo i tanti campionati di ciclismo a cui ho partecipato in gioventù avessi avuto la stoffa per diventare un grande ciclista, l’avrei fatto anche a livello professionale. Non è stato sufficiente, ma ora con BORA siamo riusciti a conquistare il tre volte campione del mondo in carica Peter Sagan per la nostra squadra BORA hansgrohe. Sempre meglio che niente! Adesso, però, seriamente: riesco a rilassarmi al meglio quando in una bella giornata di sole posso prendere la bicicletta e cominciare semplicemente a pedalare. Per ore, alla massima potenza, in quasi tutte le condizioni. In compagnia o da solo. È questo il mio mondo. Così riesco a scaricare anche lo stress più intenso. Johann: Per me invece sono anche i momenti di tranquillità. Poter ammirare il paesaggio coperto di neve a 1.800 metri nelle limpide giornate d’inverno dalla stazione sciistica del Reiteralm, nella regione di Schladming in Stiria, mi lascia senza parole. E di colpo diventa chiaro cosa è davvero importante nella vita. Cos’altro è importante per il successo sul lavoro? Willi: Ascoltare, riflettere e guardare avanti. Quando parlo con qualcuno cerco sempre di immedesimarmi. Cerco di capire ad esempio cosa desidera in una cucina. Dove possiamo ancora migliorarci. Voglio semplicemente rendere più bella la vita in cucina. E non riesco a pensare di fermarmi. Johann: Per me è anche molto importante pensare alle future generazioni per quanto riguarda il lavoro. Per questo mi impegno attivamente. Ad esempio con il premio Next Chef Award per scoprire chi sarà il prossimo grande chef. Ci sono così tanti talenti! Anche i non professionisti cucinano oggi a livelli davvero alti. Quello che i cuochi amatoriali mi hanno presentato sul piatto potrebbe tranquillamente essere servito anche in un ristorante di prima categoria. Willi: Possiamo solo promuovere e influenzare positivamente il tema “food” attraverso un impegno diversificato. Abbiamo anche te in qualità di esperto nel campo: in questo modo diventiamo professionisti nel fornire di fatto le migliori attrezzature da cucina. Ma anche per quanto riguarda la cucina di casa dobbiamo fare una semplice osservazione. Chi ha visto almeno una volta BORA in funzione dice: “Chiaro, è ovvio. Funziona veramente”. Questi sono per me i momenti migliori: quando qualcuno, che sia un cuoco professionista o un appassionato, capisce ciò che gli proponiamo. Parole chiare. Grazie mille e buona fortuna per i vostri nuovi progetti! Siamo davvero curiosi. RIVISTA BORA 51