Aufrufe
vor 3 Jahren

BORA Magazine 01|2019 – Italian

  • Text
  • Bora
  • Cottura
  • Rivista
  • Sistema
  • Cucina
  • Essere
  • Piani
  • Prodotto
  • Sempre
  • Grazie
BORA Magazine is published in 13 languages. It invites the reader to learn more about the BORA products and discover fascinating stories behind the brand.

A sinistra: alla

A sinistra: alla partenza c’erano buone possibilità di vittoria all’EuroEyes Cyclassics per Pascal Ackermann. Una caduta poco prima del traguardo ha messo fine al suo sogno di vittoria. A destra: piccoli e grandi tifosi sono felici di incontrare le star di BORA hansgrohe: autografi e foto come ricordo di questo particolare momento erano molto ambiti.

A sinistra: sempre con la massima attenzione per i compagni di squadra: collaborazione e supporto reciproco sono le premesse per gare impegnative come quella di Vuelta a España. Alla termine del tour il team ha unito ancora una volta gli sforzi e ha celebrato nuovi trionfi. Soprattutto il giovane tedesco Pascal Ackermann ha convinto con la sua prestazione. Dopo essersi fatto notare in aprile al Tour de Romandie aveva continuato a impressionare con altre vittorie straordinarie al Critérium du Dauphiné, al Campionato nazionale e al Prudential Ride di Londra. A questo si sono aggiunti altri piccoli successi. Con Ackermann una nuova stella è apparsa nel firmamento dei velocisti, otto vittorie nella sua seconda stagione da professionista sono davvero più che dignitose. Qualche successo è arrivato anche nel BinckBank Tour attraverso i Paesi Bassi e il Belgio e nel Giro della Slovacchia. Da notare soprattutto che in questo frangente hanno potuto davvero brillare alcuni corridori solitamente al servizio della squadra come Gregor Mühlberger, Rudi Selig e Cesare Benedetti. Alcune ambizioni hanno però dovuto essere abbandonate a causa di infortuni e di cadute. Al Deutschland Tour, che per la prima volta da dieci anni è tornato sull’agenda delle corse, una caduta di Patrick Konrad ha schiantato tutte le speranze di un piazzamento nelle prime posizioni. Il campione mondiale Peter Sagan ai Campionati europei di Glasgow ha dovuto arrendersi ai suoi infortuni perché i dolori dovuti alla caduta al Tour de France gli hanno reso impossibile continuare la corsa. Anche alla Vuelta a España purtroppo non è andato tutto secondo i piani. Il tedesco Emanuel Buchmann ha debuttato come capitano della squadra e aveva orientato la sua intera stagione RIVISTA BORA 97